Me

My name is Benedetta and I come small town of the Italian countryside called Pollenza. I grew up  in the wide nature, barely knowing the existence of shoes, eating meat and veggies produced in my grandfathers’ farm, for about two decades.

I left my motherland about ten years ago, when I moved to Rome to study and, lately, I lived several years in Singapore and I am now based since 2012 in Rio de Janeiro.

IMG_3315

I was about 22 when I was first diagnosed with PCOS (Polycystic Ovary Syndrome). I remember the doctor went straight to point by saying “That means that you are going to have period problems, reduced fertility, excess hair growth, acne and weight gain”.

I have treated my PCOS with contraceptive pills for about a decade, but I soon realised that the treatment gives you a regular periods but it doesn’t solve the problem from the ROOT. What is the root of the PCOS then?

Women with PCOS have what is called insulin resistance, meaning they have the cells in the body resistant to the effect of a normal level of insulin, more insulin is then produced to keep the blood sugar normal. This raised level of insulin in the bloodstream is thought to be the main underlying reason why PCOS develops.

I soon came to the conclusion that the best thing I could do for my body was limiting the amount of sugars I am ingesting everyday. I have chosen base my diet on wholegrain food only (starting by making bread at home everyday!), legumes, fresh vegetables and fruit. I have cut down all the refined sugars and grains for good, and I am limiting the consumption of meat, dairy products and animal fats. Most of the food choices I made are based on the Glycemic Index (GI) of each specific ingredient, hich measures the sugar content of carbohydrate-containing foods, determining how much they affect the blood sugar levels after the meal. To have more information about of Glycemic Index and the mission of this site, please refer to the related page: The Factory

I am not a dietitian or a doctor, so I am not aiming to give any medical advises or encourage anyone to giving up on pills and medications. Those are my principles but they are far from being strict dogmas, I do enjoy a nice piece of cake, or my friends’ home-cooked meals, totally lighthearted, especially those cooked with LOVE!

 

Mi chiamo Benedetta, sono nata in una piccola cittadina nella campagna marchigiana chiamata Pollenza. Sono cresciuta a contatto con la natura, conoscendo a mala pena l’esistenza e utilità di scarpe, nutrendomi di carne e verdure prodotte nella fattoria dei miei nonni per circa due decadi.

Ho lasciato la mia terra natale dieci anni fa, quando mi son trasferita a Roma per terminare i miei studi. Successivamente, ho vissuto per diversi anni a Singapore e da cinque anni vivo stabilmente a Rio de Janeiro.

Avevo 22 anni quando mi è stata diagnosticata la sindrome dell’ovaio policistico. Mi ricordo ancora cosa mi disse il dottore all’epoca: “Vuol dire che che al di la delle tue cisti ovariche, potrai sperimentare cicli irregolari, riduzione di fertilità, crescita di peluria in eccesso, acne e aumento di peso”.

Ho trattato la PCOS con la pillola contraccettiva per circa un decennio ma  presto mi resi conto che il trattamento regolarizzava il ciclo e migliorava l’aspetto della mia pelle ma non risolveva il problema dalla radice. Qual è la radice delle PCOS allora?

Le donne con PCOS hanno quello che viene chiamata insulino-resistenza e cioè hanno le cellule   del loro corpo resistenti all’effetto di un normale livello di insulina, e devono quindi produrne di più per mantenere la glicemia normale. Questi livelli maggiori di insulina nel sangue sono la principale ragione per lo sviluppo della sindrome dell’ovaio policistico. 

Divenne presto chiaro controllando diariamente l’ingestione di zucchero avrei aiutato il mio corpo a guarire. Ho basato cosi la mia dieta interamente su cibi integrali (a partire dal pane, fatto in casa tutti i giorni che è la mia grande passione), legumi, verdure di stagione e frutta fresca. Ho anche eliminato per sempre tutti gli zuccheri e cereali raffinati ed ho limitato alle grandi occasioni il consumo di carni rosse, latticini e grassi animali. Molti degli ingredienti delle mie ricette li scelgo in base all’indice glicemico (GI), che misura il contenuto di zucchero negli alimenti contenenti carboidrati, determinando quanto questi influenzino i livelli di glicosio nel sangue dopo il pasto. Per avere maggiori informazioni su di indice glicemico e la mission di questo sito, potete consultare la pagina relativa:The SNS Factory

Non sono una nutrizionista né un medico ed il mio scopo non è quello di dare consigli medici o alimentari. In questo blog convidido le mie ricette quotidiane e i principi della mia dieta, che sono ben lungi dall’essere dogmi rigidi. Non rinuncio quindi ad un pezzo di torta di compleanno, o ai manicaretti e cene a casa di amici, soprattutto se cucinati con amore!